fbpx

Pavlova – delizia dalla Nuova Zelanda o dall’Australia?

Share

Pavlova – delizia dalla Nuova Zelanda o dall’Australia?

L’Australia e la Nuova Zelanda sono nazioni che hanno molto in comune e che comefratelli, discutono un po’ su tutto,  di sport, nazionalità di Russell Crowe e cibo, ma non c’è controversia più grande di questa. 

La disputa sulle origini della Pavlova – un dolce elegante fatto con un guscio di meringa servito con panna e frutta fresca – è stata la controversia più longeva del paese. Diamo uno sguardo più approfondito alle vere origini di questo amato dessert.

L’unico aspetto di questa disputa su cui entrambi i paesi possono essere d’accordo è l’origine del nome di questo dolce tanto amto. Nata nel 1885, Anna Pavlova divenne un’iconica ballerina russa che fu molto ammirata in tutto il mondo. Durante il suo periodo di fama, molti chef in tutto il mondo le  hanno dedicato i loro piatti,  dal “gelato Pavlova” in America alle “cosce di rana” alla Pavlova in Francia – con la prima ricetta trovata di un tipo di dessert glacé noto come “fragole Pavlova” trovate ad Auckland, nel 1911.

Nel 1926, Anna fece un tour sia in Australia che in Nuova Zelanda, ed entrambe le nazioni hanno affermato storie diverse sulla creazione di un piatto che prese il suo nome.

La storia della Nuova Zelanda

Durante la visita di Anna nel 1929, si dice che uno chef del Wellington Hotel si sia ispirato al suo tutù, creando questo “dolce fluttuante” in suo onore. Caratterizzato da una meringa con interno marshmallow con crema e fette di kiwi sopra, questo dessert è diventato rapidamente una scelta popolare. Tuttavia, la prima menzione della Pavlova apparve in un libro di cucina neozelandese nel 1927, che in realtà non aveva nulla a che fare con le meringhe, piuttosto era una ricetta con diversi strati di gelatina. Le ricette dell’iconica meringa Pavlova si sono susseguite, e nonostante siano apparse più tardi, i Kiwi credono che qualsiasi registrazione della loro ricetta sia una prova sufficiente che hanno creato la Pavlova.

La storia australiana

Mentre i kiwi hanno la loro ricetta,  la Pavlova è stata definita la quintessenza australiana, con una meringa più croccante con la classica guarnizione di panna e frutto della passione. Si dice che sia stata inventata in un hotel di Perth , il dessert è stato dichiarato da un commensale “leggero come la Pavlova”; di conseguenza, lo chef ha chiamato il dessert, Pavlova. La prima ricetta conosciuta di Pavlova pubblicata in Australia risale al 1926. Con il loro atteggiamento rilassato, è normale per gli australiani affermare che “anche se la Nuova Zelanda ha il merito del nome, è uno chef australiano che è responsabile dell’invenzione della Pavlova che conosciamo oggi”.

È questa la vera Pavlova?

Il neozelandese Dr. Andrew Paul Wood e l’australiana Annabelle Utrecht hanno trascorso due anni alla ricerca della vera origine della Pavlova, trascorrendo fino a 18 ore al giorno a cercare tra oltre 20.000 giornali e 10.000 libri di cucina scritti nel corso degli anni. Nella loro indagine, hanno trovato oltre 150 ricette per torte a base di meringa che sembrano tutte simili alla Pavlova che conosciamo oggi, e tutte sono state pubblicate ben prima che Anna arrivasse nei due paesi nel 1926. La prima ricetta simile alla Pavlova trovata nella loro indagine era una torta di meringa, crema e frutta chiamata Spanische Windtorte , mangiata dagli Asburgo austriaci nel XVIII secolo. Allo stesso modo, hanno trovato ricette di torte dalla Germania che sono state portate negli Stati Uniti da immigrati tedeschi: schaum torte tradotta  in torta di schiuma e torta baiser che è più comunemente conosciuta oggi come Kiss Cake.

Alla fine del 1800, fu inventato lo sbattitore per le uova a manovella, con il risultato che molte casalinghe americane preparavano la meringa più spesso. Il risultato della mania della meringa fu la creazione di innumerevoli  ricette a base meringa, facili e veloci. Con radici  sia in Germania che in America , si ritiene che la ricetta Pavlova sia arrivata in Australia e Nuova Zelanda sul retro della scatola della Maizena (scatole di amido di mais) del produttore americano esportato William Duryeas.

Nonostante né l’Australia né la Nuova Zelanda abbiano effettivamente dato alla luce la Pavlova – merito della torta tedesca che ha iniziato ad evolversi in America – entrambi i paesi sono diventati i fortunati custodi di questo amato dessert. A differenza di molti altri piatti intitolati ad Anna che non hanno superato l’era in cui la più grande star del mondo era una ballerina, il dessert australiano e Kiwi Pavlova continuano a vivere quasi 100 anni dopo.

Offrendo due approcci unici alla Pavlova, entrambi i paesi hanno preso a cuore questo dessert, incorporato nelle loro culture e non saranno mai rimossi dalle loro identità nazionali e noi ci gustiamo le Pavlove di ogni nazionalità senza fare torto a nessuno!

(traduzione articolo theculturetrip.com)

Ricetta base

Per la meringa: 200 g di albume d’uovo  200 g di zucchero fine – 200 g di zucchero a velo

crema alla vaniglia: 300 ml di latte – 1 baccello di vaniglia – 2 tuorli – 100 g di zucchero – 30 g di farina

Accendete il forno a 105°C e nel frattempo preparate la teglia rivestita con la carta oleata e la sac à poche con bocchetta liscia grande. Preparate l’impasto delle pavlove: sistemate gli albumi in una ciotola con la metà dello zucchero fine e la metà dello zucchero a velo.

Montate gli albumi con un frullino elettrico o con l’aiuto di un mixer fino a quando non saranno diventati ben gonfi e sodi. Aggiungete anche gli zuccheri rimasti e setacciati insieme sopra la ciotola sugli albumi montati a neve.

Amalgamate il tutto utilizzando una spatola in silicone, procedendo dall’esterno verso l’interno per non smontare il composto. Trasferite la meringa cruda nella sac à poche preparate e spremete i nidi di meringa sulla teglia rivestita, formando dei cerchi vuoti al centro creando due giri: dovranno essere abbastanza grandi.

Infornate e lasciate cuocere per 1 ora e 15 minuti le pavlove e poi spegnete il forno, lasciate raffreddare le pavlove all’interno per 10 minuti e sfornatele. Staccatele dalla carta solo quando saranno proprio fredde.

Preparate anche la crema pasticcera: è una ricetta base facile da preparare che qui viene proposta aromatizzata alla vaniglia, ma può essere personalizzata con aromi diversi. Scaldate il latte in una pentola capiente aggiungendo il baccello di vaniglia, ma senza farlo bollire. Spegnete prima che raggiunga il bollore e togliete la vaniglia solo all’ultimo momento.

Mescolate a parte in una ciotola i tuorli e lo zucchero utilizzando una forchetta. Aggiungete anche la farina e mescolate ancora, fino a quando non diventa bene omogeneo. Diluite la crema versando il latte caldo, a filo e lasciando sciogliere i grumi. Mescolate con una frusta, rimettete tutto nella pentola e lasciate su fiamma media, mescolando continuamente, per circa 7 minuti, sino a che la crema non si sarà addensata: lasciate raffreddare mescolando di tanto in tanto. Al momento di servire la pavlova, farcitela con la crema e con la frutta o le gocce di cioccolato a scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close